Perché si dice

Fausto Raso

Perché si dice “i portatovaglioli” e non “i portarossetti”?

Perché si dice "i portatovaglioli" e non "i portarossetti"?

Prosegue il nostro viaggio alla scoperta delle origini storiche e gli aneddoti che si celano dietro le espressioni che usiamo quotidianamente durante la vita di tutti i giorni. Oggi Fausto Raso, giornalista specializzato in problematiche linguistiche e autore oltre del blog “Perché si dice” anche del sito “Lo SciacquaLingua“, ci spiega una curiosa anomalia riguardante la nostra sempre affascinante lingua italiana.

Portarossettoportasapone,  portaspazzolino e portatovagliolo.
Sul plurale di questi  sostantivi i lessicografi si accapigliano, sono concordi solo sul plurale dell’ultimo: portatovaglioli. Per quanto concerne gli altri tre si ripete il balletto: alcuni li ritengono invariabili, altri variabili e altri ancora, “pilatescamente”, variabili o invariabili.

Eppure sono etimologicamente uguali al portatovagliolo, sul cui plurale – ripetiamo – tutti concordano. Siamo in presenza di un mistero eleusino*. A costo di attirarci le ire dei “grandi linguisti” consigliamo a coloro che amano il bel parlare e il bello scrivere di pluralizzarli tutti e tre: portarossettiportasoponi eportaspazzolini.

Cosí facendo si rispetta la norma che regola la formazione del plurale dei nomi composti di una voce verbale e di un sostantivo maschile singolare.

 

 

 

 

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti

Fausto Raso

Sono Fausto Raso, giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione e specializzato in Editoria e giornalismo. Da sempre mi sono occupato delle problematiche linguistiche. Titolare della rubrica di lingua “Nostra Lingua Madre e Matrigna” del “Giornale d’Italia” dal 1990 al 2002, collaboro con varie testate, tra cui il periodico romano “Città mese” del quale sono anche garante del lettore. Sono stato consulente linguistico di varie emittenti radiofoniche locali. Ho scritto con Carlo Picozza, giornalista de La Repubblica, il libro “Errori e Orrori. Per non essere piantati in Nasso dall’italiano”. In questo blog vi racconterò le origini dei più comuni modi di dire utilizzati nella lingua italiana.

 

 

Utenti online