Perché si dice..."Piedipiatti" ?

Perché si dice “Menare il can per l’aia” ?

Prosegue il nostro viaggio alla scoperta delle origini storiche e gli aneddoti che si celano dietro le espressioni che usiamo quotidianamente durante la vita di tutti i giorni. Oggi vi spieghiamo l’origine e il significato dell’espressione “Menare il can per l’aia” grazie a Treccani.it . “Menare il can per l’aia” è una espressione colloquiale della lingua italiana. Chi mena il… Leggi tutto

Perché si dice..."Fare la scarpetta"

Perché si dice…”Fare la scarpetta”

Prosegue il nostro viaggio alla scoperta delle origini storiche e gli aneddoti che si celano dietro le espressioni che usiamo quotidianamente durante la vita di tutti i giorni. Oggi vi spieghiamo l’origine dell’espressione “Fare la scarpetta“.   Questa simpatica espressione, secondo il Dizionario Treccani, viene definita come l’atto di “raccogliere il sugo rimasto nel piatto passandovi un pezzetto di pane infilzato… Leggi tutto

21072015093258_sm_12872

Perché si dice…”Credere con beneficio di inventario”

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle origini storiche e gli aneddoti che si celano dietro le espressioni che usiamo quotidianamente durante la vita di tutti i giorni. Oggi vi spieghiamo l’origine dell’espressione ‘Accettare/Credere con beneficio di inventario‘ grazie Perchè si dice.   Questa locuzione significa accettare qualcosa (una notizia, un’informazione, una proposta) riservandosi di controllarne la fondatezza o la validità…. Leggi tutto

22072015105956_sm_12893

Perché si dice…”Dare a Cesare quel che è di Cesare”

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle origini storiche e gli aneddoti che si celano dietro le espressioni che usiamo quotidianamente durante la vita di tutti i giorni. Oggi vi spieghiamo l’origine dell’espressione ‘Dare a Cesare quel che è di Cesare’   “Rendete dunque ciò che è di Cesare a Cesare, e ciò che è di Dio a Dio”, questa sarebbe… Leggi tutto

Omero

Tutti mi conoscono come il poeta greco autore dell’Illiade e dell’Odissea, ma in pochi sono certi della mia identità. Alcuni sostenevano che fossi figlio di una ninfa, altri mi credevano discendente di Orfeo, alcuni mi descrivevano come un cantore cieco che errava da una città all’altra. Tutto ciò ha permesso di creare intorno a me farne una figura mitica, proprio come i personaggi delle mie opere. Ecco perché, in questo blog, vi racconterò tutti i segreti su come si racconta una storia e le regole per far entrare un racconto nel mito.

Utenti online