Perché si dice…”Salvare capra e cavoli”

13072015093810_sm_12755

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle origini storiche e gli aneddoti che si celano dietro le espressioni che usiamo quotidianamente durante la vita di tutti i giorni. Oggi vi spieghiamo l’origine dell’espressione ”Salvare capra e cavoli‘ .

 

Questa espressione viene utilizzata per indicare una situazione in cui si intende salvare due interessi apparentemente opposti e inconciliabili in una situazione che sembrava imporre il sacrificio dell’uno o dell’altro.

 

L’origine della locuzione sta in una favola che racconta di un contadino che doveva guadare un fiume portando appresso un lupo, una capra e un mazzo di cavoli. Non potendo trasportare con la barchetta più di una cosa per volta, riuscì tuttavia a portare tutto sull’altra sponda evitando che il lupo mangiasse la capra e che la capra mangiasse i cavoli. Il detto che trae origine da questa favola è riferito a chi, con scaltrezza, riesce a risolvere un problema difficile senza danno per nessuno.

 

(Fonte: Wikipedia)

© Riproduzione Riservata
Tags

Omero

Tutti mi conoscono come il poeta greco autore dell’Illiade e dell’Odissea, ma in pochi sono certi della mia identità. Alcuni sostenevano che fossi figlio di una ninfa, altri mi credevano discendente di Orfeo, alcuni mi descrivevano come un cantore cieco che errava da una città all’altra. Tutto ciò ha permesso di creare intorno a me farne una figura mitica, proprio come i personaggi delle mie opere. Ecco perché, in questo blog, vi racconterò tutti i segreti su come si racconta una storia e le regole per far entrare un racconto nel mito.

Utenti online