Perché si dice…”Dare a Cesare quel che è di Cesare”

22072015105956_sm_12893

Continua il nostro viaggio alla scoperta delle origini storiche e gli aneddoti che si celano dietro le espressioni che usiamo quotidianamente durante la vita di tutti i giorni. Oggi vi spieghiamo l’origine dell’espressione ‘Dare a Cesare quel che è di Cesare’

 

“Rendete dunque ciò che è di Cesare a Cesare, e ciò che è di Dio a Dio”, questa sarebbe l’espressione completa. Secondo il Vangelo di Luca, così Gesù replicò agli “uomini subdoli”, emissari dei sacerdoti, i quali gli domandavano se fosse lecito pagare il tributo a Cesare, da parte di un buon ebreo, sperando in una sua risposta negativa che permettesse loro di denunciarlo ai Romani. Cristo, però, non solo non cadde nel tranello, ma con le sue parole insegnò che si deve obbedire alle leggi degli uomini, senza trascurare i doveri verso Dio. Nel linguaggio comune, l’approssimativa citazione è un invito alla giustizia, un richiamo ad attribuire i meriti a chi li ha e non a coloro che se li appropriano.

 

(Fonte: Dizionario dei modi di dire)

© Riproduzione Riservata
Tags
Commenti
  • Valeria Bianchi Mian

    Bellissima sorpresa! La fotografia dell’autrice come “volpe” di Pinocchio è di Maurizio Puato. http://www.mauriziopuato.it

Mostra più commenti

Omero

Tutti mi conoscono come il poeta greco autore dell’Illiade e dell’Odissea, ma in pochi sono certi della mia identità. Alcuni sostenevano che fossi figlio di una ninfa, altri mi credevano discendente di Orfeo, alcuni mi descrivevano come un cantore cieco che errava da una città all’altra. Tutto ciò ha permesso di creare intorno a me farne una figura mitica, proprio come i personaggi delle mie opere. Ecco perché, in questo blog, vi racconterò tutti i segreti su come si racconta una storia e le regole per far entrare un racconto nel mito.

Utenti online